Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

RASSEGNA DEL MIGLIOR CINEMA ITALIANO CONTEMPORANEO (2008-2013)

BELGRADO

 

 


 


 


 


 


 


 


Cineteca Jugoslava di Belgrado, nuova sede


In occasione dell’avvio del negoziato di adesione della Serbia all’Unione Europea e dell’ apertura della nuova sede della Cineteca Jugoslava di Belgrado,l’ Istituto Italiano di Cultura in Belgrado, in collaborazione con la Cineteca Jugoslava e con il sostegno della RAI e di MCF di Belgrado, organizza una rassegna della più recente e premiata produzione cinematografica italiana.La rassegna si articola in due sezioni:I – “Il cinema e il grande melodramma italiano”con il film  “Rigoletto a Mantova” (2010), per la regia di Marco Bellocchio, in programma mercoledì 29 gennaio 2014, ore 20.00, per l’inaugurazione della nuova sede della Cineteca Jugoslava a Belgrado; II – “Il miglior cinema italiano contemporaneo” (2010-2013)Questa sezione comprende dieci film italiani che hanno ottenuto numerosi e prestigiosi riconoscimenti in vari festival internazionali e italiani: da “Rigoletto a Mantova”  Premio RAI – Prix Italia,  a “Sacro GRA” di Gianfranco Rosi, Leone d’Oro alla 70a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, a “Via Castellana Bandiera”, Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile a Elena Cotta e Menzione Speciale al 19° Festival del Cinema d’Autore di Belgrado; da “Cesare deve morire” di Paolo e Vittorio Taviani, Orso d’Oro al 62° Festival del Cinema di Berlino e Premio della Critica al Festival del Cinema d’Autore di Belgrado,  ai film premiati nelle recenti edizioni del Premio David di Donatello (considerato l’Oscar italiano) e del Nastro d’Argento, come “La solitudine dei numeri primi” di Saverio Costanzo, “Pranzo di Ferragosto” di Gianni Di Gregorio, “Le quattro volte” di Michelangelo Frammartino  o “ Io e te” di Bernardo Bertolucci.Le opere in programma offrono un panorama dell’attuale migliore cinematografia italiana, con la conferma della costante vitalità dei grandi Maestri come Bernardo Bertolucci, Paolo e Vittorio Taviani e Marco Bellocchio e con la presenza di più giovani registi affermati a livello internazionale come Giuseppe Tornatore e Gianfranco Rosi.   A queste produzioni viene accostata la presentazione di opere di  promettenti registi delle ultime generazioni: da Daniele Vicari a Silvio Soldini, a Saverio Costanzo; da Gianni Di Gregorio, a Michelangelo Frammartino a Emma Dante. La voglia di cambiamento e la ricerca di nuovi valori, i problemi politici e sociali del nostro tempo,  il disagio spirituale dei giovani in cerca di lavoro e il rapporto tra giovani, adulti e anziani, costituiscono il filo rosso che lega fra di loro non pochi dei film della rassegna. Gli adolescenti smarriti di “Io e te” di Bertolucci sono circondati da adulti che non hanno tempo per ascoltarli e che, a loro volta, sembrano privi dell’energia necessaria per affrontare l’esistenza quotidiana. Reagiscono alle sfide della realtà, come  i protagonisti di “Cosa voglio di più” di Silvio Soldini, con la fuga in una sfera privata dove la passione fisica viene scambiata per amore,  oppure si chiudono nello spazio chiuso del proprio lavoro, negandosi ad ogni contatto umano, come l’antiquario de “La migliore offerta” di Giuseppe Tornatore. E l’angusta via Castellana Bandiera a Palermo, dove si svolge il muto, ostinato e insensato duello fra due automobiliste, diventa un microcosmo, che racchiude, nel suo spazio ristretto, tutto un mondo di dolore, di egoismi, di miseria morale, di disagio sociale e di rancori inespressi che possono far scoppiare contrasti e conflitti irrimediabili.La commedia, il genere cinematografico italiano di maggior successo negli scorsi decenni, è rappresentata dal film, “Pranzo di Ferragosto” di Gianni Di Gregorio, divertente e sensibile riflessione sullo spazio riservato agli anziani nelle famiglie d’oggi.Caso a sé stante, il documentario di Gianfranco Rosi, “Sacro GRA”, esplora il microcosmo sociale che ruota intorno al Grande Raccordo Anulare romano, con i suoi personaggi fuori dal comune. Ciascuno di loro ha una storia diversa , mai banale, che , però, non si collega mai alle vicende degli altri abitanti di questa parte poco conosciuta della Capitale italiana.Forse, la risposta alle angosce e alle inquietudini dell’Italia contemporanea si ritrova nell’originale “Le quattro volte” di Michelangelo Frammartino: immutabili  ritmi di vita, un costante rapporto armonioso fra esseri umani, animali e natura, la conservazione di valori e rituali antichi che caratterizzano la vita di un paesino calabrese, i cui abitanti accettano la modernità, ma solo per usarne i vantaggi, senza perdere la propria identità e umanità profonda.


Tutti i film presentati sono in lingua originale italiana, con la traduzione e i sottotitoli in lingua serba.PROGRAMMA mercoledì, 29 gennaio 2014, ore 20.00SERATA INAUGURALEnella nuova sede della Cineteca Jugoslava di BelgradoRIGOLETTO A MANTOVA (Italia, 2010)Regia di Marco BellocchioPremio RAI-PRIX ITALIADirettore d’orchestra: Zubin MehtaOrchestra Sinfonica Nazionale della RAIGenere: opera lirica; durata: 129’; colore;Lingua: italiano;con: Placido Domingo, Julia Novikova, Vittorio Grigolo, Ruggero Raimondi*giovedì, 30 gennaio 2014 ore 18.00LA SOLITUDINE DEI NUMERI PRIMI (Italia, 2008)dal romanzo “La solitudine dei numeri primi” di Paolo Giordano Regia di Saverio CostanzoPremio Pasinetti per la migliore attrice ad  Alba Rohrwacheralla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2010Premio Nastro d’Argento 2011Premio Ciak d’Oro 2011Genere: commedia; durata: 118’; colore;Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;Con: Luca Marinelli, Alba Rohrwacher, Isabella Rossellini, Filippo Timiore 20.30PRANZO DI FERRAGOSTO (Italia, 2010)Regia di Gianni Di GregorioPremio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2009Premio David di Donatello 2009 per il miglior regista esordientePremio Nastro d’Argento 2009Genere: commedia; durata: 75’; colore;Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;Con: Valeria De Franciscis, Gianni Di Gregorio, Luigi Marchetti, Alfonso Santagata*venerdì, 31 gennaio 2014ore 18.00DIAZ: NON PULITE QUESTO SANGUE (Italia, 2012)Regia di Daniele Vicari Premio del Pubblico della Sezione Panorama62° Festival del Cinema di Berlino 2012Genere: drammatico; durata: 127’; colore;Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;Con: Elio Germano,Claudio Santamaria,Mattia Sbragia, Renato Scarpaore 20.30LE QUATTRO VOLTE (Italia, 2010)Regia di Michelangelo Frammartino Grand Prix al Festival del Cinema Italiano di Annecy 2010Premio “Golden Puffin” per il miglior filmFestival Internazionale del Cinema di Reykjavik 2010Premio Nastro d’Argento speciale 2011Premio per il miglior film e per il miglior montaggioal Festival Internazionale del Cinema di Bari 2011Genere: drammatico; durata: 88’; colore; Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;Con: Giuseppe Fuda, Bruno Timpano, Nazareno Timpano, Artemio Vellone*sabato 1 febbraio 2014 ore 18.00CESARE DEVE MORIRE (Italia, 2012)Regia di Paolo e Vittorio TavianiOrso d’OroPremio della Giuria 62° Festival del Cinema di Berlino 2012


Premio David di Donatello 2012per miglior film, miglior regia, miglior montaggio, miglior sonoroPremio Nastro d’Argento 2012: Nastro dell’Anno a Paolo e Vittorio Taviani Premio speciale al castPremio del Pubblico a Paolo e Vittorio Tavianial Festival del Cinema di Filadelfia 2012Premio FIPRESCI-Miglior attore stranieroa Francesco Arcuri, Cosimo Rega e Salvatore Strianoal Festival Internazionale del Cinema di Palm Springs 2012 Premio Pari Opportunità della Critica Cinematografica Europea Indipendente 2013a Paolo e Vittorio TavianiGenere: /drammatico; durata: 76’; colore;Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;Con:  Giovanni Arcuri,Juan Dario Bonetti, Fabio Cavalli, Cosimo Rega, Salvatore Strianoore 20.30COSA VOGLIO DI PIU’ (Italia, 2010)Regia di Silvio SoldiniGrand Prix del Festival del Cinema di Caubourg 2010Genere: drammatico; durata: 126’; colore;Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;Con: Gigio Alberti, Giuseppe Battiston, Pierfrancesco Favino, Alba Rohrwacher*domenica 2 febbraio 2014ore 18.00VIA CASTELLANA BANDIERA (Italia, 2013)dal romanzo “Via Castellana Bandiera” di Emma DanteRegia di Emma DantePremio “Coppa  Volpi”, migliore interpretazione femminile: Elena CottaPremio Pasinetti, miglior interpretazione femminile:Elena Cotta e Alba Rohrwacher70 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia:Menzione speciale della Giuria       19° Festival Internazionale del Film d’Autore di Belgrado, 2013Genere: drammatico; durata: 90’; colore;Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;Con: Elena Cotta, Emma Dante, Alba Rohrwacherore 20.30IO E TE (Italia, 2012)dal romanzo “ Io e te” di Niccolò Ammaniti Regia di Bernardo BertolucciPremio Nastro d’Argento 2013Premio “Guglielmo Biraghi” a Jacopo Olmo AntinoriNastro “Bulgari” a Tea Falco;Nastri d’Argento 2013Genere: drammatico; durata: 97; colore;Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;Con: Jacopo Olmo Antinori,Tea Falco,Veronica Lazar*lunedì 3 febbraio 2014ore 18.00SACRO G.R.A. (Italia, 2013)Regia di Gianfranco Rosi Leone d’Oroalla 70a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia Genere: documentario; durata: 115’; colore;Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;ore 20.30LA MIGLIORE OFFERTA (Italia, 2012)Regia di Giuseppe TornatorePremio David di Donatello 2013miglior film, migliore regia, migliore scenografia, migliori costumi, migliore colonna sonoraPremio Nastro d’Argento 2013miglior film, miglior produttore, migliore colonna sonora,migliore scenografia, migliori costumi, miglior montaggioGenere: drammatico; durata: 124’; colore;Lingua: italiano con sottotitoli in serbo;Con: Sylvia Hoeks, Geoffrey Rush, Jim Sturgess, Donald Sutherland


LUOGHI DI PROIEZIONE29 gennaio 2014, ore 20.00 BELGRADO,  Cineteca Jugoslava, Nuova Sede, Uzun Mirkova,130 gennaio-3 febbraio 2014, ore 18.00 e 20.30Museo della Cineteca Jugoslava, Kosovska 11

  • Organizzato da: \N
  • In collaborazione con: \N