Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Presentazione del libro “Le assaggiatrici” di Rosella Postorino a Belgrado

Data:

18/09/2022


Presentazione del libro “Le assaggiatrici” di Rosella Postorino a Belgrado

L’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado e la casa editrice Vulkan sono lieti di invitarvi alla presentazione del romanzo Le assaggiatrici (Feltrinelli, 2018) - pubblicato in Serbia nel 2021 con il titolo U Vučjoj jazbini - che si terrà alla presenza dell’autrice Rosella Postorino domenica 18 settembre alle ore 18.00 presso la libreria Vulkan di Piazza della Repubblica a Belgrado. La scrittrice Rosella Postorino dialogherà con la giornalista Ivon Jafali e incontrerà i lettori.

Fin dove è lecito spingersi per sopravvivere? A cosa affidarsi, a chi, se il boccone che ti nutre potrebbe ucciderti, se colui che ha deciso di sacrificarti ti sta nello stesso tempo salvando?
La prima volta che entra nella stanza in cui consumerà i prossimi pasti, Rosa Sauer è affamata. “Da anni avevamo fame e paura,” dice. È l’autunno del ’43 quando, per sfuggire ai bombardamenti su Berlino, Rosa arriva a Gross-Partsch, un paese vicino al quartier generale di Hitler. Insieme ad altre nove donne del villaggio, viene subito reclutata per assaggiare - ogni giorno per tre volte al giorno - le gustose pietanze destinate al Führer, così da accertarsi che non siano avvelenate.
Rosella Postorino non teme di addentrarsi nell’ambiguità delle pulsioni e delle relazioni umane, per chiedersi che cosa significhi essere, e rimanere, umani. Ispirandosi alla storia vera di Margot Wölk (assaggiatrice di Hitler nella caserma di Krausendorf), racconta la vicenda eccezionale di una donna in trappola, fragile di fronte alla violenza della Storia, forte dei desideri della giovinezza. Come lei, i lettori si trovano in bilico sul crinale della collusione con il Male, della colpa accidentale, protratta per l’istinto - spesso antieroico - di sopravvivere. Di sentirsi, nonostante tutto, ancora vivi.

Rosella Postorino (Reggio Calabria, 1978) vive e lavora a Roma. Ha vinto il Premio Campiello 2018 con il romanzo Le assaggiatrici (Feltrinelli, 2018), che si è aggiudicato anche i premi Rapallo, Pozzale Luigi Russo, Vigevano Lucio Mastronardi, Chianti, Wondy, Sogna Lib(e)ro e, in Francia, il Prix Jean Monnet, è stato Libro dell’anno per i gruppi di lettura di Fahrenheit Radio Tre, è tradotto o in corso di traduzione in 33 lingue e diventerà un film diretto da Cristina Comencini. Ha pubblicato anche i romanzi La stanza di sopra (Neri Pozza, 2007, Feltrinelli 2018; Premio Rapallo Opera Prima), L’estate che perdemmo Dio (Einaudi, 2009; Feltrinelli 2021; Premio Benedetto Croce e Premio speciale Cesare de Lollis) e Il corpo docile (Einaudi, 2013; Feltrinelli 2022; Premio Penne), il reportage Il mare in salita (Laterza, 2011), la pièce teatrale Tu (non) sei il tuo lavoro (Working for Paradise, Bompiani 2009) e, per Salani, Tutti giù per aria e Io, mio padre e le formiche (Salani, 2019 e 2022). Ha tradotto e curato Moderato Cantabile (2013) e Testi segreti (2015) di Marguerite Duras. Collabora con le maggiori testate italiane.

Informazioni

Data: Dom 18 Set 2022

In collaborazione con : IIC Belgrado

Ingresso : Libero


Luogo:

Knjižara Vulkan, Trg Republike, Beograd

2568