Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cantica 21 - Videoinstallazione "Patrizio" di Massimo Ricciardo

Data:

06/12/2021


Cantica 21 - Videoinstallazione

L’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado partecipa alla diciassettesima edizione della Giornata del Contemporaneo, la grande manifestazione promossa da AMACI - Associazione dei musei d'arte contemporanea italiani - con il sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, dedicata all’arte del nostro tempo e al suo pubblico. In virtù della collaborazione avviata nel corso delle ultime edizioni con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, anche Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura all’estero organizzano eventi volti a raccontare e valorizzare la vitalità dell’arte contemporanea in Italia.
In questo contesto l’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado presenta la videoinstallazione Patrizio di Massimo Ricciardo, opera selezionata nell’ambito del progetto Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere e acquisita nella collezione del MACC - Museo d'Arte Contemporanea CaltagironeIniziativa congiunta del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e del Ministero della Cultura (MiC), Cantica 21 è stata lanciata nel settembre 2020 con l’obiettivo di promuovere la ricerca e la pratica sulle arti visive contemporanee.
L’inaugurazione avrà luogo, alla presenza dell’artista, il 6 dicembre alle ore 18 presso questo Istituto con ingresso per un numero limitato di persone, nel pieno rispetto della normativa igienico-sanitaria vigente. L’opera, con sottotitoli in inglese, sarà esposta fino al 5 gennaio dal lunedì al giovedì dalle 10 alle 18 e il venerdì dalle 10 alle 15.

"Patrizio"

Patrizio Decembrino, cinquant’anni anni fa, mosso dal desiderio di costruire una cappelletta per assolvere a un mandato che sentiva crescere dentro di sé, decide di realizzare nella mulattiera accanto a casa sua un punto di ritrovo e di culto per i fedeli della zona. Il suo edificio emerge dalla natura come una costruzione complessa ma fragile, un’architettura tanto fantastica quanto delirante, un sogno che ha dato vita alla sua idea di bellezza senza sottostare alle convenzioni sociali e lontano dalle finalità estetiche dell’arte tradizionale. Il film racconta, attraverso lo sguardo del suo protagonista, la giornata di preparativi alla processione dedicata alla Madonna del Tindari. La cappella, disvelata solo alla fine, diventa il pretesto per un viaggio silenzioso nel mondo emotivo del suo artefice. Accumulo di reperti, essa si trasforma in un vero e proprio archivio della memoria in cui si esprime la dimensione immaginaria dell’autore.

Massimo Ricciardo (Darmstadt, 1979) vive e lavora a Torino. Si è formato presso l’Accademia di Firenze e l’Università di Scienze Applicate a Potsdam. Lavora su immagini d’archivio, fotografie, pubblicazioni, video amatoriali, ma anche oggetti, suoni. Le sue installazioni comprendono diversi materiali disponendo un processo per la realizzazione di una nuova “memoria”.
Tra le sue esposizioni personali: Frag mén to, BOCS, Catania (2021); Listening to Voices – in the frame of the Eastern Sugar, Futura Gallery project, Praga (2021); Visual Politics of (Im-)Mobility, Haus der Kulturen der Welt, Berlino (2020); Objects of Migration Photo-Objects of Art History: Encounters in an Archive, Kunsthistorisches Institut in Florenz, Firenze (2017/20); Luther and the Avantgarde, Karlskirche Karlsplatz, Kassel (2017); Baustelle Europa/Europe Under Construction, Kunsthaus, Dresda (2016); Dispossession, Palazzo Donà Brusa, 56ª Biennale, Venezia (2015).
Vincitore di Italian Council 10, MiC (2021).

Per maggiori informazioni:

https://www.cantica21.it/ 
https://www.amaci.org/ 

Informazioni

Data: Da Lun 6 Dic 2021 a Mer 5 Gen 2022

Organizzato da : IIC Belgrado

In collaborazione con : MAECI, MiC

Ingresso : Libero


Luogo:

IIC Belgrado, Kneza Miloša 56

2449